Piccolo regalo acquistare super kamagra Rimedio per il mal di denti
Misurazione della pelle secca acquisto cialis generico Cosa fare se vieni punto da un'ape?
Medicina per la tosse secca comprare levitra senza ricetta Trattamento della congiuntivite
Rimedi naturali contro le pulci comprare viagra per donne Terapia BMC
terapia priligy vendita trattamento dell'ansia

Abbronzarsi in sicurezza: alcuni semplici consigli da considerare

Siamo ormai in piena estate, le temperature sono caldissime e chi ne ha possibilità si concede una piacevole “tintarella” al mare, ma cosa è utile sapere per prendere il sole in sicurezza?

La pelle abbronzata è affascinante, lo sappiamo bene, e di per sé l’abbronzatura non fa male, bisogna tuttavia prendere il sole in maniera adeguata, senza eccessi e badando ad una serie di precauzioni, in caso contrario i raggi solari possono trasformarsi in un nemico veramente molto serio.

Ecco un prezioso “vademecum” da considerare per abbronzarsi senza rischi.

Abbronzarsi in sicurezza alcuni semplici consigli da considerare

1 – La pelle deve essere sempre protetta

Per abbronzarsi, ovviamente, è necessario esporre la pelle ai raggi solari, ma non bisognerebbe mai effettuare delle esposizioni prive di protezione.

Oggi, infatti, i solari consentono di proteggere la pelle dai raggi solari “cattivi”, quelli che possono essere alla base di problematiche più o meno serie, quindi le esposizioni prive di protezione, magari finalizzate ad accelerare i processi di abbronzatura, sono assolutamente deleterie.

Sarebbe sbagliato, peraltro, credere che la pelle già abbronzata possa fare a meno della protezione: sicuramente una pelle già abbronzata è meno vulnerabile, ma l’azione negativa dei raggi solari rimane invariata.

2 – Scegliere dei solari adatti alla propria pelle

I prodotti solari non sono tutti uguali, ma differiscono in base al tipo di pelle, ovvero al “fototipo” della persona che andrà ad utilizzarli.

Quando si acquistano delle protezioni solari da store specializzati come Farmaregno, dunque, è necessario controllare a quale fototipo si rivolgono, e da questo punto di vista il parametro di riferimento è il fattore di protezione, espresso in termini numerici.

Il fattore di protezione da 6 a 10 è da intendersi come una protezione molto bassa, adatta dunque a pelli molto scure, medio è il fattore di protezione da 15 a 25, adatto a pelli mediamente delicate; il fattore da 30 a 50 assicura una protezione alta, ed è quindi consigliato a chi ha una pelle particolarmente chiara, o comunque delicata, mentre il fattore 50+ è per chi ha una pelle estremamente vulnerabile.

3 – Ribadire l’applicazione dei solari dopo aver fatto il bagno

È inevitabile che quando si esca dall’acqua dopo un piacevole bagno, i solari che sono stati applicati sulla pelle vadano parzialmente perduti.

Sebbene i migliori prodotti in commercio garantiscano un’elevata capacità di resistenza all’acqua, quando si ritorna sulla spiaggia dopo il bagno è sempre consigliabile ribadire l’applicazione dei solari per mantenere la pelle più protetta.

4 – Prendere il sole in maniera graduale

È il primo giorno di vacanza, si ha la smania di sfoggiare una bella abbronzatura e, per questo motivo, si trascorrono tante ore al mare a prendere la “tintarella”: questo è quanto di più sbagliato si possa fare.

Il sole va preso sempre in maniera graduale, partendo con esposizioni moderate che sappiano “preparare” la pelle, appunto, a quelle successive, le quali possono essere più lunghe, ma comunque mai esagerate.

5 – Proteggersi anche quando i raggi non sembrano molto forti

Può capitare di andare al mare in una giornata piuttosto fresca, magari ventilata e con il cielo parzialmente nuvoloso, ma sarebbe un errore credere che in circostanze simili la pelle possa essere lasciata priva di protezione.

Al contrario, proprio perché le circostanze ambientali fanno percepire di meno i raggi solari, è bene non sottovalutarli.

6 – Non porsi obiettivi di abbronzatura poco realistici

La capacità della pelle di abbronzarsi è un fattore squisitamente genetico, di conseguenza una persona che ha un fototipo molto chiaro non può di certo aspettarsi di raggiungere, tramite esposizioni prolungate, una carnagione scura.

Il discorso, ad ogni modo, vale anche per chi ha una pelle che si abbronza più facilmente: ogni tipo di pelle ha un suo limite oltre il quale non può abbronzarsi, di conseguenza prolungare la durata delle esposizioni o fare qualsiasi altra cosa utile ad accentuare l’abbronzatura non può che rivelarsi completamente inutile.

Subito per te: TUTTO SULLE O-BAG!

ebook acconciature trendy 2015

COLORI, PREZZI, DOVE COMPRARLA. Iscriviti alla newsletter e ricevi subito la O Bag Pocket Guide. Anche sul tuo smartphone/tablet!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *